M.P.D.R.C. - MUTUALIST PROFESSIONAL DOCTORS RELATIONSHIP COMMUNITY | PACCA MI PIJJU

Username  Password  Ricordami

 marted 18 giugno 2019

Coordinatore Prof. Alfonso  Preside Zampogna

 HOME PAGE

 RECENSIONI

 ELENCO REFERENTI

 APPUNTAMENTI

 IL FORUM

 ASSISTENZA

 CONTATTI

 MPDRC SUL TUO SITO!


Sondaggio

BULLISMO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DI OGNI ORDINE E GRADO, MALATTIA ENDEMICA E SINTOMATICA DI UNA SOCIETA FRANTUMATA, ASOCIALE ED ASOLIDALE

BULLI ARROGANTI PROTAGONISTI IN SISTEMI SCOLASTCI INDIFFERENTI E DISGREGATI

34%

BULLI SOGGETTI DI ACCUMULATO MALESSERE ESISTENZIALE

25%

BULLI VITTIME DI PIU' VASTE CULTURE E SISTEMI DI POTERE DEVIATI

37%

 

 

Indietro

PACCA MI PIJJU

data pubblicazione Venerd 18 maggio 2018

inviata da Alfonso ZampognaLUCCIOLA DINVERNO

Pacca mi pijju
e n' mi 'nd'accorga

Ju lgnu  livara
e n paracrru  strhta
c m ptrjha
jra slu  diamnti
ch n rrna
e pru se
n u si
taccrgi chsti ju
pecch a lci d sli jirnu
e chjia d stiji  ntti

pru ch tu
n vdi
 fnnu brillri
Campva
nt m jrna
cmu Ddu vola
e n mi mportva nnti
sgni sra mangivu
nt m csa
pni c alvi
o alvi c pni
c u cri mu
para smpri
ntttu e mmacultu
Pi cumparsti tu
e c tta nt m parggi
trjhasu pru
a m sventra
p ttti srhanzzi tj
cgni jrnu
d matna sra
e d sra matna
mi facvi passri
p smma scnza
E ju sla sla
cllAngilu mu
compgnu ciangiulnu
dassi p smpri
a m mmma
a m csa e u m lttu
e c tta mndi vnni
cmu na sccca strta
tirta p capzza
'Llampava e chjova
e ju vidia u sli
 mmnzu  nvi n mbrnu
mi cumparvanu cunjji
Vida avnti a mma
srthta chjna e drhtta
pru chi ncranu
muntgni tmpi e vili
seguia smpri a tta
ntogni pasi e puntni
pru se lrba
d clu tj
slu p ma
n spuntva mj
Qundu dpu n mpcu
mi scumparsti
p ttti strhti 
slu t squajjsti 
e c tanttrji bni fmmini
taccumpagnsti
sprta e sla ju rresti
e tutta n trjhttu n matna
mmnzu e i malanvi
sla marrissijji
d snnu mu
strhnu e malandrjnu
Sla e pccia
fni ju resti
snzcchji e rrcchji
mi rritrhovai
e c mnti ttta strta
mi scumbini
Crsti Madnni e Snti
ttti i jrna ju pregi
nt ttti i Crsihj d pasi
strhicndu ch dincchia
mrmi e scalni
pijjndu pru ncrchi vta 
maschjati e timpulni 
Passi c m ngelu
pgni
va e pgni cantni 
mbesta c tnta gnti
ognangulu strhta
chizza e  srthatni
Passru jrna msi
e pi tntnni
e ju sla c lngialellu
slu cumpgnu mu
cianga nt m lttu
p ttta a ntti
nsn matna
Ma a tta  ma
cchj nnti ti mportva
pijtu comri
smpri arrtu a ttti
i bagscji tj
Ora chi tarricojjsti
cchj no mi mporta
u cri mu ommi
p smpri p tta sculu
cmu ptrha si nduru
jntrjha  m pttu 
e jntrjha  m costti
Passi tntu tmpu
cjju 'rdchi e spni
chra p ttia
cmu ptrha e mrmu
ju si 'nduru
e se ommi tu
scunsultu e dispertu s
cchj n mi ndi ftti
Ommi d maghera tj
mi sciojja d tttu
e cri e mnti mj
snnu slu p ma
e p c ju vjjiu
Ommi nomattri cchj a tta
mncu se trhascinta
ligata ch crdi
na bna mla
o c mjju di cavju
di st mndu
e se p disgraza ma
ncrchi jrnu ntrra cdu
pmmu maccincu e mru
saccinca cchj a trra
ca ju e i m dincchja
Ommi ti pj scordri
c ju vgnu cchj
nt mndrjha ta
ch i sentimnti mj
cmu crzi e mra
fnnu sbarramntu
Ora vatndi
avnti d m occhji
e d m vsta
ch mndu
j rndi e spazisu
ccuss tu p jri pavnti
e ju p jsu
Phjjiti na strhta
lnga lnga lnga
charrva costeggindu
sin dpu d mulnu
chi cchj c
strhta ma
no si ncntrja mj
Dssami accuss
snza u t cunslu
c ju p ma e ta
s ppccia saurta
e dora n pi
prpriu ti fzzu
n grn favri
gni jrnu prgu a Ddu
c tttu  m cri
e c tttu zlu mu
mi fci ommi
u Signri Ddu
lrtima grza ancra
snza scnsu e p davvru
c p tttu u tmpu
d vta chi mi rsta
a mma mi gurda
e a tta ti llmpa
(A, B ... Z)

1) PACCA MI PIJJU / Pazzia mi prese / ed io non me ne accorsi / Io legno dulivo / e non paracarro di strada / ch la mia pietra / solo il diamante / che non sabbia / e pure se non lo sai / taccorgi che quello / ch  alla luce del sole di giorno / e delle stelle di notte / pure se non lo vedi / lo fanno brillare / Vivevo i miei giorni / come Dio voleva / e non mimportava niente / se ogni sera mangiavo /pane con le olive / od olive con il pane / ch  il cuore mio / pareva sempre / intatto ed immacolato / Poi sei comparso tu /e con te nella mia orbita / anche la mia sventura / per tutte le stranezze tue / che ogni giorno / da mane a sera /e dalla sera alla mattina / mi fateci passare / Sola con lAngelo mio / compagno piagnucoloso / lasciai per sempre / la mia mamma / la mia casa ed il mio letto / e venni con te / come unasina stramba / tirata per la cavezza / Folgorava e pioveva / ed io vedevo il sole / ed in mezzo alla neve / mapparivano conigli / Vedevo davanti a me / la strada piana e dritta / anche se cerano / montagne burroni e sentieri / seguivo sempre te / in ogni posto / pure se lAlba /del tuo cielo / solo per me / non spuntava mai / Quando dopo un po / mi scomparisti / per tutte le tue stradi / solo ti sei eclissato / e con tante altre bone femmine / taccompagnasti / dispersa e sola io restai / e tutta una mattina / in mezzo ai malefici / sola mi svegliai / dal mio sonno / strano e malandrino / Sola e pazza /  alla fine io restai / senza occhi ed orecchie / mi ritrovai / e con la mente tutta storta / mi scombinai / Cristi Madonne e Santi / tutti i giorni io pregai / in tutte le Chiese del paese / sfregando con le ginocchia / marmi e scaloni / prendendo qualche volta pure / schiaffi e manrovesci / Passai col mio Angelo / per ogni via e rione / investii con tanta gente / ad ogni angolo di strada / di piazza e di stradone / Passarono giorni e mesi / e poi tanti anni / ed io sola col mio Angelo / solo compagno mio / piangevo nel mio letto /per tutta la notte/ sino al mattino/ Ma a te di me / pi niente importava / preso comeri / dietro a tutte / le tue bagasce / Ora che ritornasti / pi non mimporta / il cuore mio ormai / per sempre / come una pietra sindur / dentro il mio petto / e dietro le mie costole / Passai tanto tempo / a raccogliere ortiche e spine / che ora per te / come pietra e marmo / esso  sindur / e se ormai tu sconsolato sei / pi non me ne fotte / Ormai della magheria tua / mi liberai del tutto / e cuore e mente mia / sono solo per me / e per chi io voglio / Ormai non mattrai pi a te / manco se trascinata con una mula / o col migliore cavallo / di questo mondo / e se per disgrazia mia qualche giorno in terra cado / fino a ferirmi e a morire / si ferisce di pi la terra / che io e le mie ginocchia / Ormai ti puoi scordare / che io venga pi alla tua mandria / ch i sentimenti miei / come querce e mura / fanno sbarramento / Ora vattene davanti ai miei occhi / e dalla mia vista pure / ch il mondo / grande e spazioso / cos tu puoi andare avanti / ed io indietro /Prendi una strada / lunga lunga lunga / che arrivi costeggiando / sino  a dopo il mulino / che con la strada mia / non sincontri mai / Lasciami cos / senza la tua piet / ch io per colpa mia e tua / sono pazza esaurita / e da ora in poi / proprio per farti / un gran favore / ogni giorno prego Dio / con tutto il mio cuore / e col mio zelo / perch mi faccia ormai / lultima grazia / ancora per davvero / che per tutto il tempo di vita / che mi resta / protegga me  / ed folgori te /[1][1] ogni giorno prego Dio / con tutto il mio cuore / e col mio zelo / perch mi faccia ormai / lultima grazia / ancora per davvero / che per tutto il tempo di vita / che mi resta / protegga me / ed folgori te

Indietro

Segnala questa pagina

 

 

Aggiungi ai preferiti

Pagina iniziale

 

Gli Appuntamenti

Le Sedi Scolastiche

Cerca la sede scolastica pi vicina inserendo il CAP, il nome della scuola o la citt

 

La Mailing List

Resta sempre aggiornato sulle novit, le comunicazioni, i corsi dell'Ufficio Monitoraggio Pratiche Didattiche della Provincia di Reggio Calabria inserendo il tuo nome ed il tuo indirizzo email

 

 

 

Powered by Dargal.it

Recensioni   Elenco Referenti   Appuntamenti   Il Forum   Assistenza   Contatti