M.P.D.R.C. - MUTUALIST PROFESSIONAL DOCTORS RELATIONSHIP COMMUNITY | RSA A FYYA DA MASSRA

Username  Password  Ricordami

 gioved 28 maggio 2020

Coordinatore Prof. Alfonso  Preside Zampogna

 HOME PAGE

 RECENSIONI

 ELENCO REFERENTI

 APPUNTAMENTI

 IL FORUM

 ASSISTENZA

 CONTATTI

 MPDRC SUL TUO SITO!


Sondaggio

BULLISMO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DI OGNI ORDINE E GRADO, MALATTIA ENDEMICA E SINTOMATICA DI UNA SOCIETA FRANTUMATA, ASOCIALE ED ASOLIDALE

BULLI ARROGANTI PROTAGONISTI IN SISTEMI SCOLASTCI INDIFFERENTI E DISGREGATI

34%

BULLI SOGGETTI DI ACCUMULATO MALESSERE ESISTENZIALE

25%

BULLI VITTIME DI PIU' VASTE CULTURE E SISTEMI DI POTERE DEVIATI

38%

 

 

Indietro

RSA A FYYA DA MASSRA

data pubblicazione Gioved 02 aprile 2020

inviata da Alfonso ZampognaPreside

Rsa 'a fyya d' massra
nt stntu chna  sngu
e pru mrta p s mmma
cppna a fci
p vva e p mmrta
p n sapri
 scandsciri a vattiyu
c s sngu e c ltti 
c prpriu chyu
pstu lqqua
n mancva mi
nt s massria
U massru lluytu assi
nn f mpdicu
e mncu nyu aitu
ballva slu ch s cni
fra fra d prta
p n fyya appna crita
slu slu n pcu mrta
Rsa a fyya d massra
c lcchyi com clu
e ch pli ttti rssi
stndu n tsta o  mnzu
 crpi pcuri e cni
d s mndrjha
e n c lmini lluyti
criscu prstu e snza ncimpi
Rsa a fyya d massra
e f divula trjhemnda
sccumpagnva smpri
c scimitrra Mohammttu
girta pcu  mnza lna
ya trjhovu e vrzi
chra mmuccita  scru
c tttt candilri
nt crsia sdarrupta
e tmpu psu dru
d prviti fu ccattta
d Marrnchinu prncipi fuytu
d ramni ltrjhi e lva e prta
ncuntrjhtu  ccsu
nt chyzza d merctu
pecch campva sprtu
ndi mi nyu sppi
e csu srhnu n si sapa
nt tenda ch s muyyri
c n nc bastva
cmpa e mri p na sla
dicanu guardndu n trra
mbidisi e rassegnti
i marti cornti e sfurtunti
ma yu pregva  mdu si
n fccia  sli menziyrnu
e d rstu n ncmportva
Pasculva ya mi  rngu
c p rispttu si
yra  ttti rispettta
caminndu c tsta  vntu
nt chyni e puntni
sartva p gurnli e p sentri
chy d zzimbari e muntni
pcuri crpi e gneyicyi
d s mndrjha
e se ncarcnu pcchssu
ava  ch dri
c n sla gguardta
nc faca passri
gstu e vyya
e se pi vola piyyri
nc fuya pru u ntendimntu
N ndppi mnni
cmu ttti ltrjhi
ch cumparvanu fra d pttu
ch si mbci criscru ssmpri
slu yntrjha  s costti
ch fciru passri
p fmmina c d cri
Tutti dicinu c slu ya
yra ttta fmmina ma srhna
pecch si vantva d d cri
cn dva s Ddu
e ltrjhu tttu p s mndrjha
N yrnu rrivu nt massara
cmu n si sppi mi
nmu pru yu tttu srhnu
ch caminva snza crna vntu
n  zzmbaru e muntni
e n  crvu e vi
si nomva slu Filciu
e yra pru n fttu srhnu
ch mumntu e pru dpu
parrva Du e yra nsnu
n mangiva crni
nya manra
ma slu yrbi e rdchi
csu ltti e rictti
Qund Filciu rrivu
dpu n bna caminta
yra gi trdu pru p sra
ma yu slu e mmantinnti
vola m prra c divula
ch gi durmva c s snnu
e n nc f vrsu arcnu
ch ptti scoraggiri
nc dssiru pr vru vru
m s stci attntu smpri
c divula n yra fmmina
d s mndu e p nnti
a tsta  nttu nc pota tayyri
e yettri ttt rstu
p s cni s piacimntu
yu sra fisstu e cumbntu
pmm vdi mmantinnti
e vola m cumbrti
c divula pi n yra
se n s cri slu  Du
p smpri yra duntu
ya c ncchyu aprtu
vtti e ntsi u nmi
chi nc piacu chy  lmu
c se mangiava yerbi
e no carni parrndu Du
n yra p nnti ndiffernti
c lltrjhmini sentti
yranu zzmbari futtti
ch parrvanu smpri
d muntni e d s crpi
cuss prstu capiscu
c slu p chssu
c yu ava tntu ch dri
parrndu  Ddu
e guardndu  styi
Filciu pi sccorgu
c Rsa pli rssi
tntu divula n pota sri
sgni sra parrva Du
slu c yu e pru ch styi
e trastu n cumpidnza
chy n vta
parrndu Du c Du
slu yu vtti nda
e sra sacrusantu e veru
chya no ndvia mnni
yra fmmina cmlltrjhi
Slu vidri e mi toccri
ncssi a divula p rispttu
c s cri ch batta forti 
yntrjha e fra d s pttu
c p ma n s muntni
e se n a t tsta vla
tayyta nttu  nttu
e cuss pru tttu u rstu
Rrivu pi u yrnu maldttu 
ch Garibldi tttu drjhttu
rringu paysi tttu
fmi d s sordti
ch s piyyru pru a  mndrjha
Dpu yu vtti pcu
e ntsi tntu d divula
e vrzi slu p yu
Rsa a rssa e a s scimitrra
c nc piaca pmm pyya
p culri d pli russi
p lcchyi clu
e ldri mi senttu
 servggiu rrstutu
ma rrestu scuncerttu
qundu spoyyta n vtti nnti
ch s mnni yranu tirti
sin yntrjha d costti
ncranu si ma cmu nnti
A divula  chyu pntu
spprofittu d scuncrtu
e n cuteyta nc yettu
n mbola m mmzza
cm ttti ltrjhi prisentsi
ma p n sfrgiu permannti
slu nc tyya i cuyyni
f a pensta s malandrjhna
ma u crp s deviu
e nc tayyu slu lnca
Garibaldi mpressiuntu
yu u rndi cumandnti
qundu pru  muntni
n pota chy digerri
c p mnu srhafuttnti
n divula  plu rssu
fssi fertu permannti
nt n gurra d disonri
Cuss piyyu ligu
a fci passri avnti  ttti
p brignti malandrjhna
pi cmu fssi nnti
fra fra srhascinu
e spr cppu sparu
ya moru snza scrnu
c s tsta spaccata
p n sla pistolta
Nyu seppi e nyu spi
ndi ya yu  finri
s mprnu o nt paradsu
c ttt s pcuri e i s crpi
pecch nt s pecctu f sparta
crtu y ch spi Du
ch y gidici misericrdia
mi lfiu o pauccinu
e spi smpri slu yu
c perdunri o cundannri
Ma p ttti ni pastri
chgni yrnu ymu giriyndu
rrestu p smpri ya
n divula mbiolta
e pr s cni c seguru
chi bayvanu p s pastra
fru ttti mmazzti mrti
ch p lnri Garibldi
n nc pota sri
nuytra divergnti srti
Chya ntt  gnnnu
si ripti n clu e n trra
pru ra chi passru
chy  cntu e cntnni
c e snza carbinri
snza bnda e snza scrta
qundu cdunu i styi
pecch cingi pr clu
Rosa a fyya d massra
ccumpagnta d s sfurtna
gru p tttu u mndu
vci sartndu cmu smpri
p sentri ed rburi srhni
ch s mvunu stt lna
Se ncarcnu pnsa pi
c divula nviolta
f pastra e mi massra
d s mndrjha sterminta
ndvi m spi sulamnti
chya fci tttu quntu
m si gurda u snri
e m prra pru styi
d s vta disgrazita
d snuri mbioltu
e d s Ddu disonurtu
(A, B... Z)

1) RSA A FYYA D´ MASSRA / ROSA LA FIGLIA DELLA MASSARA / Rosa la figlia della Massara / nata a stento piena di sangue / e morta pure accanto a sua mamma / ch appena la partor / tra viva e morta / a non saperlo / nel dubbio la battezz / col suo sangue e con il latte /ch proprio quello / al posto dellacqua / non mancava mai / nella sua masseria / Il massaro sventato assai / non fu dimpaccio alcuno / ma nemmeno di nessun aiuto / ballava da solo con i suoi cani / appena fuori della porta / per la figlia appena nata / forse solo un poco morta / Rosa la figlia della Massara / con gli occhi come il cielo / e coi capelli tutti rossi / stando in capo o in mezzo / alle capre pecore e cani / del suo gregge / e non con gli uomini strampalati / crebbe presto  e senza intoppi / Rosa la figlia della Massara / fu diavola tremenda / saccompagnava sempre / con la scimitarra di Maometto / girata un po a mezza luna / Lei la trov e la volle / che era nascosta al buio / con tutti i candelabri / nella chiesa diroccata /e al tempo a peso doro / dal prete fu comprata / dal Marocchino principe errante / dei profughi ladri e pettegoli / incontrato per caso / nella piazza del mercato / perch viveva da disperso / dove mai nessuno seppe / e caso strano non si sapeva / in una tenda con le sue mogli ch non gli bastava / vivere e morire per una soltanto / dicevano guardando per terra / invidiosi e rassegnati / i mariti cornuti e sventurati / ma lui pregava a modo suo /  fronte al sole di mezzogiorno / e per il resto non gli importava / Pascolava lei mai a dispregio / ch per il rispetto suo / era da tutti rispettata / camminando con la testa al vento / nei piani e negli spuntoni / saltava per pozzanghere e rampe / di pi dei  montoni / pecore capre ed agnelli / del suo gregge / e se qualcuno per questo / aveva da obbiettare / con un solo sguardo / gli faceva passare / gusto e voglia / e se poi la voleva stuprare / gli si scompariva pure lintenzione / Non ebbe zinne/ come a tutte le altre / che trasparissero fuori dal petto / ch le sue invece crebbero sempre / solo dentro le sue costole / che lhanno fatta credere / come femmina con due cuori / Tutti dicevano che solo lei / era tutta una donna strana / perch si vantava dei due cuori / ch uno lo dava al suo Dio / e laltro tutto per il suo gregge / Un giorno arriv nella masseria / come non si seppe mai / un uomo pure lui tutto strano / che camminava senza corna al vento / non a caprone e montone / e non a cervo e bue / si chiamava soltanto Filciu / ed era pure un fatto strano / che al momento e pure dopo / parlava di Dio ed era pazzo / non mangiava carne / in nessun modo / ma solo erbe ortiche / formaggio latte e ricotte / Quando il Filiciu arriv / dopo un lungo cammino / era gi tardi pure per sera / ma lui da solo ed immediatamente / voleva parlare con la diavola / che gi dormiva col suo sonno / e non ci fu pretesto alcuno / che lo pot scoraggiare / gli dissero anche in vera verit / che stesse sempre attento / ch la diavola non era donna / del suo mondo per niente / la testa di netto gli poteva tagliare / e gettare tutto il resto / per i suoi cani a suo piacimento / Lui sera fissato e convinto / di vederla immediatamente / ch voleva convertirla / ch diavola poi non era / se un suo cuore solo a Dio / per sempre era stato donato / Lei con un occhio aperto / lo vide e sent il nome / che le piacque pi delluomo / ch se mangiava erbe / e non carne parlando di Dio / non era per niente indifferente / ch gli altri uomini sentiti / erano caproni fottuti / che parlavano sempre / di montoni e delle loro capre / cos presto cap / che solo per questo / con lui aveva tanto da dire / parlando di Dio / e guardando le stelle / Filciu poi si accorse / che Rosa dai capelli rossi / tanto diavola non poteva essere / se ogni sera parlava di Dio / solo con lui ed anche con le stelle / ed entrato in confidenza / pi di una volta / parlando di Dio con Dio / solo lui la vide nuda / e se era sacrosanto e vero / che lei non aveva zinne / era femmina come alle altre / Solo vedere e mai toccare gli disse la diavola per rispetto / col suo cuore che batteva forte / dentro e fuori del suo petto / ch per me non sei un montone / altrimenti la tua testa vola / tagliata di netto a netto / e cos per tutto il resto / Arriv poi il giorno maledetto / che Garibaldi tutto impettito / concesse il paese tutto / alla fame dei suoi soldati / che si presero pure il gregge / Dopo lui vide poco / ma appur tanto della diavola / e volle solo per s / Rosa la rossa e la sua scimitarra /ch gli piaceva stuprarla / per il colore dei capelli rossi / per gli occhi di cielo / e dallodore mai sentito / di selvaggio affumicato / ma rest interdetto / quando spogliata nuda / non vide niente o meno di niente / ch le sue zinne / erano tirate / fin dentro alle costole / cerano si ma come niente / La diavola a quel punto / approfitt dello sconcerto /e con un coltello lo colpi / non voleva ammazzarlo / come a tutti gli altri boriosi / ma per uno sfregio permanente / soltanto tagliargli i coglioni / fu la pensata sua malandrina / ma il colpo fu deviato / e lo fer solo alla gamba /  Garibaldi sconvolto / lui il grande comandante / quandanche  montone /  non poteva pi lasciar passare / che per mano strafottente / duna diavola dai capelli rossi / fosse ferito permanentemente / nella guerra del disonore / Cos lafferr la leg / la fece passare davanti tutti / per brigante e maladrina / poi come fosse niente / poco fuori la trascin / e sopra un tronco la spar / Lei mor senza vergogna / con la sua testa frantumata / da una sola pistolettata / Nessuno seppe e nessuno sa / dove lei and a finire / se allinferno o in paradiso / con tutte le sue pecore e le sue capre / perch nel suo peccato fu sparata  / certo che lo sa Dio / che giudice di misericordia / mai sventato o bigotto / e sa sempre soltanto lui / chi perdonare o condannare / Ma per tutti noi pastori / che ogni giorno andiamo girando / rest per sempre lei / una diavola illibata / e pure i suoi cani che la seguirono / ch abbaiavano per la loro pastora / furono tutti ammazzati morti / ch per lonore di Garibaldi / non ci poteva essere / nessunaltra diversa sorte / Quella notte ad ogni anno / si ripete in cielo e in terra / anche ora che passarono / pi di cento e cento anni / con e senza carabinieri / senza banda e senza scorta / quando cadono pure le stelle / perch piange pure il cielo / Rosa la figlia della Massara / nata anche coi capelli rossi / accompagnata dalla sua luna / a giro per tutto il mondo /va saltando come sempre / per rampe ed alberi strani / che si muovono sotto la luna / Se qualcuno pensa poi / che la diavola inviolata / fu pastora e non massara / del suo gregge sterminato / deve sapere solamente /che ella fece tutto quanto / per tutelarsi il proprio onore / per parlare pure alle stelle / della sua vita disgraziata / del suo onore inviolato / e del suo Dio disonorato

Indietro

Segnala questa pagina

 

 

Aggiungi ai preferiti

Pagina iniziale

 

Gli Appuntamenti

Le Sedi Scolastiche

Cerca la sede scolastica pi vicina inserendo il CAP, il nome della scuola o la citt

 

La Mailing List

Resta sempre aggiornato sulle novit, le comunicazioni, i corsi dell'Ufficio Monitoraggio Pratiche Didattiche della Provincia di Reggio Calabria inserendo il tuo nome ed il tuo indirizzo email

 

 

 

Powered by Dargal.it

Recensioni   Elenco Referenti   Appuntamenti   Il Forum   Assistenza   Contatti